ECCO COME VINCE L'1% CONTRO IL 99% (CIOE' NOI)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

ECCO COME VINCE L'1% CONTRO IL 99% (CIOE' NOI)

Messaggio  Corrispondenti il 21.03.17 20:29

L'Amico B. invia un ottimo articolo che chiarisce molte cose nascoste nel mondo della finanza:

------------
ECCO COME VINCE L'1% CONTRO IL 99% (CIOE' NOI):
Scrive P.Barnard con altro titolo nel suo blog:
(omissis)..
Io e Al siamo a capofitto in una discussione sul London Metal Exchange, sullo scandalo Sumitomo Corp. del 1995, e su suo cugino, M.K., che nella vita ha manovrato in giro per il pianeta un quarto delle materie prime metalliche che conosciamo, un uomo da mezzo miliardo di sterline. Forse ha una milionata di morti sulla coscienza, forse.

La materie prime oggi si chiamano Commodities, imparate questa parola. E sono praticamente tutto. Siamo talmente tarati a pensare alla ricchezza come contanti, soldi, che perdiamo di vista che il 99% di ciò di cui viviamo sono Commodities, cioè le materie prime con cui si fa tutto ciò che si vede o mangia o si usa. Un esempio: c’è più rame in un condominio di Milano che soldi in contanti alla Banca d’Italia. Ecco perché il Barnard, unico in Italia, vi rampognava sul Baltic Dry Index, e non solo sulle Banche Centrali. Il Baltic Dry è l’indice mondiale di quante Commodities vengono spedite e vendute sul globo, cioè l’indice sostanzialmente della ricchezza concreta del mondo. Oggi fa schifo…

Io e Al discutiamo di suo cugino. Oggi M.K. dopo essere stato al vertice del Committee del London Metal Exchange, è approdato a un colosso giapponese che commercia metalli, ma soprattutto rame, cioè la Sumitomo Corporation Global Commodities Ltd. Rame, sembra nulla eh? Quanti di voi sanno che una delle tragedie della Storia moderna più atroci in termini di torturati, spariti, campi di concentramento, fascismo, cioè il golpe di Pinochet in Cile fu voluto da Kissinger in primo luogo per impedire ad Allende di nazionalizzare il rame cileno? American National Interest first!, it’s OUR fucking copper! ragliarono a Washington nel 1973.

Ora, prima di arrivare al punto che ci riguarda, va capita una cosa su questo commercio globale di Commodities, semplice:

A) Le producono al 99% gli sfigati della Terra, e su quelle contano per la loro miserabile sopravvivenza. Più gliele pagano, più mangiano. Meno gliele pagano, più crepano.

B) Il problema è che il prezzo delle Commodities NON lo decide lo sfigato produttore, né la carenza eventuale, né l’abbondanza eventuale sui Mercati. No, no. Il prezzo lo decidono 4 gatti di ultra miliardari scommettitori e dealers a Chicago, al COMEX di NY, a Londra o a Singapore negli Exchange, uno è appunto il London Metal Exchange, dove lavorava il nostro M.K. Oltre a questi, il prezzo può essere manipolato da colossi di Commodities del mondo, dal caffè allo zucchero, cotone, grano, fino al rame o al ferro o all’alluminio ecc. Uno di questi è la Sumitomo Corporation Global Commodities Ltd, dove oggi ci ritroviamo M.K., cugino di mia moglie Al.

Questa multinazionale immensa fu protagonista nel 1995 di uno degli scandali finanziari più grandi della Storia moderna. L’allora AD tentò, nientemeno, di far crollare l’intero mercato mondiale del rame. E prima di essere ammanettato ci riuscì: il metallo perse un terzo del suo valore in tutto il pianeta. Il giochetto per sto assassino era di papparsi due miliardi di dollari, ma il giochetto per milioni di sfigati del Sud fu di crepare di fame. Ok?

Ma non solo: sti colossi di Commodities, che decidono non solo chi crepa al Sud ma anche il prezzo di tutto ciò che le nostre aziende comprano per produrre - dal cibo al frigo alla TAC al piumone di casa ai biscotti, dalle fibre alle plastiche - e quindi decidono se le nostre aziende non ci staranno più dentro coi costi e ci licenzieranno, coi noti pesi per lo Stato… bè sti colossi di Commodities oggi si sono ficcati anche nelle scommesse sui Derivati, auguri.

Io e Al stiamo parlando, in inglese, di questi burattinai del mondo, e come ho detto burattinai proprio delle nostre vite, impiego, economia anche qui in Italia, Francia, Svezia, insomma nel mondo ricco. E di colpo io guardo Al e le dico: “Ti rendi conto che stiamo parlando di cose SALVAVITA PER TUTTI? E questi… e a questi qui a tavola come cazzo glielo racconti? Se abbiamo culo qui dentro ce ne sono 10 che capiscono Grillo o Travaglio, Renzi e le doglie del PD, forse qualcosina di tasse, poi il buio”. E aggiungo “Al, pensa poi al resto della gggènte, la maggioranza assoluta, che manco sa cosa ha mai detto un Travaglio… ma sa tutto di sit-com, Fedez, o X-Factor, Facebook e i like”. Come gli spieghi qualsiasi cosa a questa travolgente maggioranza-Tsunami?

Cioè, chi da anni ha capito che leggere Repubblica è come leggere l’Artusi per curare i tumori nel mondo, si ghiaccia davanti a come... to bridge the gap, cioè a come colmare il divario fra ciò che le persone (gggènte) possono acquisire e ciò che dovrebbero acquisire per veramente salvarsi. Ma Cristo, se io con una mela in mano in prima serata Tv ho perso il 56% di ascolti mentre spiegavo in termini da nonna Lidia cos’è una tassa che inc (finisce per ula) l'intera Italia, come cazzo fai a far capire a sti qua cosa sono le Commodities e perché per una decisione di M.K. il tal Piero Mendolini ha perso il lavoro a Cuneo, e la sua famiglia e figli sono oggi nella merda?

Madonna! (io e Al ci siamo detti l’equivalente in slang che è holy shit!) ma cosa si fa? Di nuovo: come mai faremo a chiudere il divario fra ciò che sono abituati a sapere e capire, e ciò che DAVVERO DEVONO SAPERE PER SALVARE SE' E I PROPRI FIGLI? Come si faaa? Guardiamoci intorno nei bar, stadi, ipermercati, spiagge, palestre, uffici, fabbriche, come glielo dici a quelli, e sono il 99%! Se va bene quelli ti rispondono: la Casta, le auto blu, le pensioni parlamentari... se va bene, quando va bene. Il Transmission Mechanism è più morto di quello di Draghi, qui.

“I haven’t got the faintest idea Paolo… (non ne ho la più pallida idea)”, mi dice Al. E sapete una cosa? Dopo una vita a fare sto mestiere, neppure io ce l’ho. No, non c’è modo di to bridge the gap, impossibile. Hanno vinto gli altri.

Hanno vinto gli altri, loro, quelli dell'Exchange.

http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=1674



Corrispondenti

Messaggi : 176
Data d'iscrizione : 20.05.12

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum